Gamma Huawei P40: le prime indiscrezioni

I prossimi Huawei P40 non dovrebbero essere ufficializzati prima di marzo 2020, ma come succede con i modelli più attesi le indiscrezioni iniziano sempre qualche mese prima. Se abbiamo visto negli scorsi giorni indicazioni sui prossimi Galaxy S11 di Samsung, oggi tocca invece proprio ai prossimi top di gamma di casa Huawei.

Indiscrezioni Huawei P40

In verità, attorno alla presentazione dei prossimi Huawei P40 si cela già un primo fondamentale dubbio: da alcune speculazioni, infatti, pare che l’azienda non voglia attendere marzo per un evento dedicato ma piuttosto presentare al mondo i nuovi smartphone in occasioni di eventi come il CES di Las Vegas (che si tiene a gennaio) o il MWC di Barcellona (che si tiene invece a febbraio). A prescindere da ciò, tuttavia, in rete sono saltati fuori alcuni render che ritrarrebbero per la prima volta il design del prodotto.

Dall’immagine in alto, è evidente come i prossimi P40 saranno dotati di un display curvo su entrambi i lati andando così ad emulare quanto già successo con il Mate 30 Pro – seppure la curva non appare essere così definita come quella dell’ultimo top di gamma finora presentato dall’azienda cinese.

Nella parte superiore dell’immagine, invece, è parecchio evidente il bump utile ad ospitare il gruppo di fotocamere posteriori che in questo modello dovrebbero essere almeno quattro, di cui parleremo tra qualche paragrafo. Difficile da questa immagine capirne la forma e il posizionamento ma sembrerebbe essere un quadrato che potrebbe essere posto nella parte superiore centrale del terminale. Appaiono invece canonici i pulsanti del volume e quello di accensione / spegnimento posti sul lato destro dello smartphone.

In merito alle specifiche ci dobbiamo spostare nel campo delle indiscrezioni degli addetti ai lavori: in rete si fa ormai spazio il rumor secondo cui questi smartphone verranno lanciati con il Kirin 990 5G. Huawei è costretta ad utilizzare il medesimo processore già adottato nella gamma Mate 30 proprio perché il suo successore (il Kirin 1020) sarà pronto solo intorno a settembre 2020 in tempo quindi per la gamma Mate 40.

Indiscrezioni Huawei P40

Passando invece al lato frontale, i prossimi Huawei P40 Pro saranno dotati di un display OLED da 6.5″ con risoluzione QHD+, supporto all’HDR e frequenza di aggiornamento fino a 120Hz. Il display definito Waterfall offrirebbe all’utente un incredibile rapporto schermo – dimensioni complessive del 98%.

Notizie succulente anche in merito alle batterie. Pare infatti che almeno il P40 Pro sarà dotato di una batteria realizzata in grafene piuttosto che nel più comune litio. L’architettura attorno alla costruzione di queste batteria potrebbe essere del 30% più ridotta negli spazi rispetto a quella utilizzata per la realizzazione delle batterie in litio perciò il P40 Pro potrebbe essere dotato di un’unità da ben 5500mAh. Grazie all’utilizzo del grafene, inoltre, Huawei potrebbe spingere la sua tecnologia HUAWEI SuperCharge fino addirittura a 50W permettendo una ricarica dallo 0 al 100% in soli 45 minuti.

Passando alle fotocamere, come anticipato il P40 potrebbe essere dotato di almeno quattro fotocamere, mentre per il P40 Pro sembrerebbero ormai essere confermate ben cinque fotocamere. Queste, realizzate come ormai da anni in partnership con Leica, offrirebbero all’utente un sensore principale Sony IMX686 da 64MP con stabilizzazione ottica dell’immagine (il medesimo che proprio ieri abbiamo visto debuttare per la prima volta al mondo su Redmi K30). Assieme a questo sensore, secondo le indiscrezioni, Huawei avrebbe inserito una fotocamera ultra-grandangolare da 20MP, un teleobiettivo periscopico da 12MP, una lente dedicata alle macro e per finire un sensore ToF (Time of Flight).

Nonostante quindi l’assenza di molti render sembra che già si sappia abbastanza sulle schede tecniche dei prossimi P40. Non mancheremo di certo di tornare sull’argomento prima dell’ufficializzazione non appena avremo nuove immagini e conferme o smentite di queste specifiche.

Fonte | Fonte