Gamma Samsung Galaxy A 2020. Presentazione fissata al 12 dicembre

Samsung ha fissato un evento in Vietnam per il prossimo 12 dicembre in cui presenterà per la prima volta (ci aspettiamo eventi anche in altre parti del mondo, inclusa l’Europa, in un secondo momento) la nuova gamma Samsung Galaxy A 2020.

La gamma Galaxy A è ormai una costante da diversi anni e proprio a cavallo tra 2017 e 2018, Samsung ha deciso di inglobare sotto a questo nome sia gli smartphone fino ad allora già venduti con quel nome gamma, sia quelli della più economica gamma J che da allora è completamente scomparsa.

Nel 2018 molti sono stati gli smartphone presentati all’interno della rinnovata gamma A 2018. Anche gli smartphone stessi hanno cambiato nome. I vecchi A5, A7, A8 e A9 (che spesso possedevano accanto al nome anche l’anno di commercializzazione creando parecchia confusione) sono ad esempio diventati A50, A70, A80 e così via. Non li citiamo tutti ma si sono uniti alla famiglia anche gli A10, gli A20, gli A30 e A40 e una serie di smartphone “S” come l’A20s, l’A30s o l’A50s.

Con il 2020, quindi si prosegue con questa nomenclatura incrementando il nome del modello di un’unità. L’A50 diventerà A51, l’A70 diventerà A71 e così via naturalmente.

Con la precedente generazione, l’azienda ufficializzò i vari modelli in diverse parti del periodo di commercializzazione (basti pensare ad esempio che alcuni smartphone sono stati presentati al MWC 2019 di Barcellona a febbraio, altri addirittura a settembre). La medesima cosa succederà quindi con la gamma A 2020. Alcuni smartphone (si presume Galaxy A51 e Galaxy A71 con certezza quasi matematica) introdurranno la rinnovata gamma già nel corso dell’evento; altri giungeranno nel 2020.

Galaxy A51

In merito a Galaxy A51 in rete sono emerse ormai immagini particolarmente chiare del suo aspetto e specifiche tecniche che sembrano ormai essere confermate al 99%, inoltre circola da alcune ore un video che pare proprio essere ufficiale e che vi alleghiamo in coda all’articolo. Il nuovo smartphone titolare di gamma (dato il suo posizionamento centrale all’interno della stessa), si presenterà al pubblico con un display con cornici particolarmente ridotte grazie all’utilizzo di un foro posto al centro in alto utile ad ospitare la fotocamera anteriore che in questo modello sarà un’unità da 32MP. Questo design, chiamato New Infinity-O, ereditato da Galaxy Note 10 (e che con molta probabilità farà capolino anche sulla gamma Galaxy S11), renderà il Galaxy A51 uno smartphone particolarmente appetibile sia per design che per funzionalità. Il display, infatti, sarà un Super AMOLED da 6.5″ con risoluzione Full HD+ con sensore per la scansione delle impronte digitali direttamente integrato nello stesso.

Gamma Galaxy A 2020

Il Galaxy A51, inoltre, avrà una connotazione fotografica di rilievo grazie alle quattro fotocamere posteriori che offriranno all’utente un sensore principale da 48MP, uno ultra-grandangolare da 12MP, un sensore secondario da 5MP utile a raccogliere le informazioni di profondità e uno dedicato agli scatti macro sempre da 5MP.

Lo smartphone sarà mosso con molta probabilità dal processore octa-core Samsung Exynos 9611 con 4 o 6GB di RAM e 64 o 128GB in base alla variante commercializzata. Entrambe le varianti saranno dotati di memoria interna espandibile con microSD fino a 512GB.

A51, per finire, sembra sarà dotato di batteria da 4000mAh compatibile con ricarica rapida fino a 15W e che verrà commercializzato in colorazioni bianca, nera, rosa e blu.

Galaxy A71

Insieme ad A51, l’azienda come dicevamo potrebbe anche presentare il prossimo Galaxy A71, di cui però non sono emerse specifiche puntuali come quelle di A51. Lo smartphone potrebbe presentare un sensore ToF (Time of Flight) e con molta probabilità, così come A51, potrebbe essere il primo smartphone ad essere dotato della rinnovata interfaccia One UI 2.0 basata su Android 10. Samsung, quindi, per la prima volta nella sua storia, lancerà una versione profondamente rinnovata del suo sistema operativo (basato su una nuova versione di Android) a partire da dispositivi di gamma media invece che da Galaxy S11.

Fonte