Galaxy Note 10 e Note 10 Plus. Ufficiali i nuovi top di gamma Samsung

Samsung ha svelato nel corso di un evento Unpacked tenuto a New York la nuova gamma di Galaxy Note 10. Quest’anno, infatti, l’azienda ha scelto di introdurre sul mercato ben due modelli; il Note 10 Plus è da considerarsi il vero e proprio sostituto del Note 9: uno smartphone con schermo enorme, con tanta potenza e l’iconica stylus. Il Note 10, invece rappresenta un nuovo prodotto ibrido tra le dimensioni di un Galaxy S10 ma con la presenza di un pennino e tanta potenza. Scopriamo nel dettaglio cosa Samsung ha pensato per i nuovi smartphone.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Galaxy Note 10 verrà distribuito in un’unica variante da 8GB di RAM e 256GB di memoria interna senza espansione per microSD. Al contrario, il Note 10 Plus sarà disponibile in una variante con 12GB di RAM e 256GB di memoria interna oppure in una con 12 GB di RAM e 512GB di memoria interna. Entrambi i dispositivi saranno disponibili in Europa dalla fine di agosto e l’azienda ha anche pensato a versioni ad-hoc compatibili con le moderne reti 5G che saranno in un primo momento un’esclusiva per Verizon in America.

Analizzando le specifiche Galaxy Note 10 è dotato di schermo HDR10+ da 6.3″ con risoluzione Full HD+ da 2280 x 1080 pixel e sensore per la scansione con impronte digitali direttamente integrato. Il display è di tipologia Infinity-O ed ospita in alto al centro la fotocamera anteriore da 10MP con apertura ƒ/2.2. Il display è un Dynamic AMOLED con mappatura dei toni.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Il comparto fotografico vede al posteriore la presenza di tre fotocamere: ad una principale da 12MP con stabilizzatore ottico di immagine e doppia apertura ƒ/1.5 e ƒ/2.4 è affiancato un sensore ultra-grandangolare da 16MP ƒ/2.2 ed un teleobiettivo da 12MP ƒ/2.1.

In merito al processore, Samsung si è affidata a due processori diversi in base al mercato: in America, quindi, si continuerà ad offrire processori Qualcomm Snapdragon 855 mentre per i mercati europei ad avere la meglio sarà il Samsung Exynos 9825.

Note 10 è dotato di batteria da 3500mAh ed una nuova S Pen con accelerometro e giroscopio oltre che un modulo Bluetooth LE. La nuova S Pen sarà utilizzabile come una sorta di bacchetta magica utile per eseguire operazioni a distanza (senza diretto contatto per il display): sarà utile ad esempio per gestire lo zoom della fotocamera oppure scattare foto utilizzandola come una sorta di telecomando sempre a portata di mano.

Note 10 Plus, non è molto dissimile in diverse specifiche tecniche rispetto al fratello minore. In questo modello troviamo un display più grande da 6.8″ con risoluzione Quad HD+ da 3040 x 1440 pixel. Altra modifica rispetto al modello standard è la presenza di una batteria da 4300mAH e di una quarta fotocamera posteriore di profondità di campo VGA (ToF) utile per realtà aumentata e per effetti 3D. Lo smartphone è compatibile con ricarica rapida fino a 45W.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Abbandonando il campo delle specifiche tecniche concentriamoci sul design del prodotto. Samsung come di consueto pone molta attenzione sulla qualità costruttiva del suo top di gamma e lo fa ulteriormente con un design curato fino in fondo. Le cornici sembrano ormai essere quasi completamente scomparse: lo schermo curvo sui lati si lega alla cornice in maniera unica mentre il tallone d’Achille del mento particolarmente importante, lascia spazio a cornici (sia superiori che inferiori) ridotte sempre più ai minimi termini.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Anche osservando nel dettaglio il foro ricavato nel display per ospitare la fotocamera frontale è stato ulteriormente assottigliato e ora nel diametro è più ridotto rispetto a quello già visto su S10 ed S10e. Grande lavoro è stato inoltre fatto sul lato posteriore dove la disposizione verticale delle fotocamere sembra essere meno improvvisato, più elegante e meglio disposto rispetto a quanto visto fino a Note 9.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Rispetto al passato, Samsung ha operato una scelta che non farà molto felici alcuni dei suoi utenti da sempre forti di alcune pubblicità che l’azienda fece contro coloro che avevano abbandonato il jack audio analogico da 3.5mm: Galaxy Note 10 e Note 10 Plus, infatti, non presentano più lo storico jack per le cuffie. Samsung ha dichiarato che lo spazio “rubato” dal jack è stato utilizzato per batterie più grandi. Nella confezione, quindi gli utenti troveranno un paio di auricolari con connettore USB-C mentre l’adattatore da USB-C a audio da 3.5mm sarà in vendita separata.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Altra sparizione, che siamo invece certi che in questo caso farà felici molti utenti affezionati a Samsung, è il pulsante fisico aggiuntivo finalizzato al lancio del – poco fortunato – assistente Bixby. Come su iPhone, per richiamare Bixby sarà ora possibile eseguire una pressione prolungata sul tasto di accensione. Il medesimo tasto sarà inoltre utilizzabile per avviare la fotocamera con una veloce doppia pressione.

Galaxy Note 10 e Note 10 Plus

Note 10 sarà naturalmente compatibile con Samsung Dex l’interfaccia desktop direttamente gestita da alcuni tablet e smartphone Samsung quando collegati a monitor, tastiera e mouse. In Note 10 la novità è che DeX sarà disponibile come app sia su Windows che su Mac. Collegando quindi lo smartphone ad un computer sarà possibile avere comodamente su di esso tutte le app del Note 10. Sarà possibile inoltre spostare file con comodità dal computer al Note e viceversa.

Galaxy Note 10 sarà distribuito in colorazione bianca, nera, rossa, rosa con S Pen in pendant. Esiste poi una colorazione Glow (diversi gradienti di colore) con S Pen blu elettrico. Galaxy Note 10 Plus, invece, sarà disponibile in colorazione blu, bianca, nera e Glow.

Come di consueto è un video a valere più di tante parole: vi lasciamo quindi all’hands-on diramato dall’azienda

Fonte | Fonte