Galaxy A90: prime immagini dello smartphone 5G per le masse

Sul web sono emerse alcune immagini che ritraggono il nuovo Galaxy A90 mostrando entrambi i lati dello smartphone. Sul posteriore confermate rispetto alle indiscrezioni precedenti, le tre fotocamere da 48MP, 12MP e 5MP nella variante LTE e 48, 8 e 5MP in quella 5G. Entrambe dovrebbero essere dotate della funzionalità di stabilizzazione di immagine Tilt OIS.

Galaxy A90

Poco chiara invece la situazione sul lato anteriore dello smartphone. Le prime indiscrezioni, infatti, riportavano che Galaxy A90 sarebbe stato dotato di una fotocamera a scorrimento che avrebbe permesso quindi di utilizzare un display New Infinity; queste indiscrezioni, sono state successivamente smentite con la conferma dell’utilizzo di un display Infinity-U che avrebbe quindi ospitato la fotocamera anteriore in un notch a goccia.

Le immagini che tuttavia vediamo oggi mostrano un display che appare senza notch: non è quindi chiaro se effettivamente Galaxy A90 utilizzerà un display a tutto schermo New-Infinity, un display Infinity-O come quello della gamma S10 (quindi con un foro ricavato sulla destra e non visibile nell’immagine) oppure se l’immagine non rappresenta la realtà e troveremo effettivamente un notch a goccia nella versione definitiva.

Galaxy A90

Dall’immagine è inoltre evidente che lo smartphone sarà dotato di un sensore per la scansione delle impronte digitali posto direttamente sotto al display.

In merito alle specifiche tecniche, giungono ulteriori conferme grazie al portale Geekbench. Nel portale ha infatti fatto capolino il report di un Galaxy A90 5G (SM-A908), dotato di processore Qualcomm Snapdragon 855. Stiamo quindi parlando del chipset più potente finora prodotto da Qualcomm ed indispensabile per garantire la connettività 5G garantita dal modem X50 compatibile solo con suddetto processore.

Galaxy A90

Appare invece un po’ strana la scelta di dotare questo smartphone di 6GB di RAM e non di 8GB come ad esempio è stato fatto con il modello più economico Galaxy A80: probabilmente, però, tale scelta è giustificata dal voler mantenere il prezzo di vendita più appetibile alle masse che sapranno valutare l’acquisto di questo smartphone più che altro per la connettività 5G.

Fonte | Fonte