Galaxy A90 in arrivo: ecco le possibili specifiche

Abbiamo assistito nel corso degli ultimi mesi alla presentazione di una ricca gamma di dispositivi Galaxy A. Lo smartphone più performante finora presentato tra i gamma media di Samsung è stato il Galaxy A80, particolare grazie al modulo fotografico capace di ruotare su stesso per essere utilizzato all’occorrenza sia come modulo posteriore che anteriore.

Samsung, tuttavia, sarebbe a lavoro sul successore di questo modello e stando alle ultime indiscrezioni il Galaxy A90 potrebbe essere il primo smartphone di gamma media al mondo ad essere dotato di connettività 5G.

I modelli attualmente in lavorazione, sarebbero identificati dai codici modello SM-A908 e SM-A905. Il primo si vocifera possa essere presumibilmente dotato di un display da 6.7″ con sensore per impronte digitali integrato, tripla fotocamera posteriore con sensori da 48MP, 8MP e 3MP ma soprattutto processore Qualcomm Snapdragon 855 che con annesso modem X50 renderebbe il dispositivo compatibile con le reti di ultima generazione 5G.

Differente invece la configurazione del modello SM-A905: questa variante, infatti, rinuncerebbe al modem X50 5G, ma offrirebbe un pacchetto di fotocamere posteriori più performante: uguale rimarrebbe il sensore principale da 48MP che sarebbe però affiancato da sensori da 12MP e 5MP. Questa variante, oltretutto sarebbe dotato di uno stabilizzatore ottico d’immagine chiamato Tilt OIS che permetterebbe al sensore di basculare su e giù per correggere in tempo reale eventuali oscillazioni nel tentativo di seguire un soggetto in movimento così che questo possa rimanere sempre al centro dell’inquadratura.

Restano ancora dubbi invece, su ulteriori specifiche tecniche e nello specifico se questi nuovi Galaxy A90 potranno essere dotato di soluzioni particolari in ambito della fotocamera frontale. Samsung, infatti, potrebbe optare per un meccanismo pop-up elaborato come quello di Galaxy A80 o con una slitta più semplice come quella che molti competitor stanno utilizzando nelle ultime settimane. Non mancheremo di aggiornarvi.

Fonte