MWC 2019: riassunto della conferenza Huawei

Huawei ha terminato da pochi minuti la conferenza tenuta alla vigilia del MWC 2019 di Barcellona e in questo articolo vogliamo fornirvi un breve riassunto degli annunci della giornata.

MateBook X Pro

Il primo prodotto presentato è stato il nuovo MateBook X Pro. Il computer di nuova generazione presenta diverse novità minori rispetto alla precedente generazione.

Il notebook è infatti alimentato dagli ultimi processori Intel Core i7 8565U e Core i5 8265U ed utilizza grafica Nvidia con scheda discreta dedicata GeFoce MX 250 per offrire ottime performance. Il potatile è distribuito in configurazioni con 8GB o 16GB di RAM e 256GB, 512GB o 1TB di memoria interna.

Il MateBook X Pro è un prodotto da 13.9″ edge-to-edge con cornici ridottissime e una risoluzione di 3000 x 2000 pixel: questa risoluzione è quantomeno particolare considerando che il rapporto d’aspetto è infatti il 3:2 rispetto ai più convenzionali 16:9 o 16:10. Lo schermo, come per la precedente generazione rimane touch screen.

Il prodotto è dotato di un sensore per lo sblocco con impronta digitale di seconda generazione, mantiene la fotocamera nascosta al di sotto di un “finto” tasto da 1MP e la connettività rimane un punto focale con un connettore Thunderbolt 3 USB-C, due USB-C con standard 3.1 e un USB-A 3.0. Migliorato anche il sistema di casse che ora sono quattro ed offrono una qualità rivista rispetto al passato.

In termini di software il prodotto presenta una tecnologia chiamata Huawei Share che permette tramite NFC di condividere velocemente foto semplicemente toccando smartphone Huawei e computer. Interessanti soluzioni nella continuità di contenuti sono il copia e incolla universale e la possibilità di trasferire il contenuto dello schermo del computer sullo smartphone per registrare delle clip da un minuto.

MateBook 14

Oltre al MateBook X Pro Huawei ha annunciato un nuovo MateBook di costo ridotto ma con prestazioni comunque interessante: il MateBook 14, infatti, riduce la risoluzione del display a 2160 x 1440 con rapporto d’aspetto 3:2 pur aumentando i pollici a 14, aumenta leggermente il peso rispetto al modello premium ed in linea di massima appare meno curato nel design del MateBook X Pro.

Anche questo modello presenta i medesimi processori Intel di ultima generazione e la configurazioni di RAM possibili sul modello Pro; ciò che cambia è che il massimo di memoria interna configurabile si ferma a 512GB. La fotocamera rimane nella medesima posizione ed identica è anche l’interessante ottimizzazione delle cornici del display che lo rendono un prodotto particolarmente piacevole da vedere.

In termini di connettività questo modello non possiede la certificazione Thunderbolt 3 e presenta quindi una porta USB-C 3.1, una HDMI, una USB-A 3.0 e una USB-A 2.0. In merito all’audio questo modello rispetto al Pro presenta due casse anziché quattro.

Huawei Mate X

Di sicuro il prodotto di punta di questa presentazione è stato il nuovo Huawei Mate X: lo smartphone pieghevole che si scontrerà direttamente con il nuovo Galaxy Fold che abbiamo visto qualche giorno fa.

Rispetto al Fold visto qualche giorno fa, ci sentiamo di dire che il Mate X pare essere – almeno dalla presentazione – un prodotto più curato e pronto al pubblico. Se infatti il Galaxy Fold ha dato l’impressione a molti utenti di essere una sorta di prototipo o concept di quello che uno smartphone del futuro possa essere, pare che con il Mate X si abbia la sensazione di un prodotto già più avanzato.

Il Mate X presenta un display da 8″ OLED che può richiudersi su se stesso: rispetto al Samsung che presenta quindi due display (uno dei quali, quello del tablet, si richiude su stesso) questo concetto prevede che sia metà dello schermo stesso del tablet a richiudersi e diventare la parte posteriore del prodotto in modalità smartphone.

Quando ripiegato su stesso, il prodotto ha uno spessore di 11 millimetri – davvero un ottimo traguardo per un prodotto simile – è dotato di connettività 5G grazie al modem Balong 5000, batteria da 4500mAh compatibile con ricarica rapida da 55W (sì non è un errore, è davvero velocissima) e processore Kirin 980 prodotto dalla stessa Huawei. Presente un sensore per impronte digitali posto direttamente sul tasto d’accensione sul dorso del terminale.

Riassunto della conferenza Huawei

Il display del Mate X presenta tre modalità di funzionamento. Quando il display è piegato su se stesso, è possibile usare lo smartphone dotato di singolo schermo. Secondo funzionamento è quello di utilizzare il posteriore per scattare selfie mostrandone direttamente un’anteprima o ancora scegliere di condividere ciò che si vede sullo schermo primario anche sul secondo per mostrarlo a qualcuno di fronte a noi. Il terzo funzionamento è invece quello di utilizzarlo aperto come tablet.

Riassunto della conferenza Huawei

Nell’ultima modalità illustrata, la parte destra del tablet mantiene uno spessore da 11mm per migliorare il grip, mentre il display sfogliato è spesso solo 5.4mm.

In termini di funzionamento quindi questo prodotto si può usare in tre modalità:

  • Smartphone da 6.6″ con rapporto d’aspetto di 19.5:9 e risoluzione di 2480 x 1148 pixel (display principale, prodotto chiuso)
  • Smartphone da 6.4″ con rapporto d’aspetto di 25:9 e risoluzione di 2480 x 892 pixel (display posteriore, prodotto chiuso)
  • Tablet da 8″ con rapporto d’aspetto 8:7.1 e risoluzione di 2480 x 2200 pixel (display principale, prodotto aperto)

In termini di fotocamera, pochi sono stati i dettagli annunciati: i tre sensori visti, da ciò che si vede posseggono sempre il branding di Leica e possiamo quindi immaginare possano essere un sensore principale, uno telefoto e uno grandangolare.

Riassunto della conferenza Huawei

Interessante è il sistema della cerniera che permette al prodotto di piegarsi e aprirsi: Huawei sostiene che è a lavoro su questo sistema da ormai tre anni e che il design del prodotto che è stato chiamato Falcon Wing (ala di falco), presenta oltre 100 componenti brevettate per garantire la durabilità del prodotto e soprattutto che da aperto non si percepisca che il display sia in realtà composto da una parte che si piega su se stessa.

Huawei ha annunciato che il prodotto sarà disponibile a partire da metà 2019 in una configurazione da 8GB di RAM e 512GB di memoria interna ad un prezzo di partenza di 2299€.

Fonte |Immagini The Verge