Microsoft ai possessori dei suoi smartphone: passate ad Android o iOS

Windows 10 Mobile è giunto al capolinea, e un po’ ce ne dispiacciamo. Certo, è stato palese a molti che il sistema operativo Mobile non fosse a cuore di Microsoft da ormai tanti, troppi anni. Un sistema operativo facile, diremmo anche di bell’aspetto, che non ha però saputo innovarsi ed è rimasto anni luce indietro rispetto alla controparte Google (con Android) ed Apple (con iOS).

Si chiude così un’importante pagina della storia di Microsoft che ha annunciato in un articolo incontrovertibile che dal 10 dicembre 2019 gli utenti di smartphone che girano su Windows 10 Mobile versione 1709 – l’ultima rilasciata – non riceveranno più alcun supporto inclusa assistenza, nuove funzionalità, aggiornamenti relativi a risoluzione di bug e cosa più importante, aggiornamenti con correzioni di problemi contro nuove minacce.

I possessori inoltre di dispositivi dotati della versione 1703 di Windows 10 Mobile, vedranno il supporto terminare già l’11 giugno prossimo.

La dichiarazione di non supportare più il sistema operativo con aggiornamenti volti alla sicurezza, quindi, costringe nelle domande più frequenti ad obbligare Microsoft a dichiarare che gli utenti che utilizzano ancora un dispositivo con Windows 10 Mobile devono passare a smartphone con sistemi operativi ancora supportati come iOS e Android.

Microsoft, sottolinea come gli sviluppatori di terze parti potrebbero ancora continuare a sviluppare app per Windows 10 Mobile ma dalle parole utilizzate dall’azienda sappiamo già che questo sarà quasi completamente impossibile dato che si mette in dubbio che lo Store stesso continuerà a funzionare: se ci pensiamo bene, infatti, da sempre uno dei peggiori talloni d’Achille del sistema operativo mobile di Microsoft è sempre stato il divario abissale delle app rispetto a quelle distribuite su Android e iOS sia nei tempi di rilascio, sia nelle implementazioni delle funzionalità, sia ancora nelle scarse prestazioni durante l’utilizzo.

Microsoft segnala comunque che continuerà a distribuire le immagini per il ripristino del software in caso di problematiche per chi voglia continuare ad utilizzare il proprio smartphone perlomeno come telefono: ciò perché oltre alla probabile impossibilità di continuare ad utilizzare app di terze parti per molto tempo, è Microsoft stessa che prima o poi disattiverà servizio dopo servizio andando quindi di fatto a rendere quello che una volta era uno smartphone, un semplice cellulare con qualche funzione in più.

In vista di un sistema operativo che non includerà più gli aggiornamenti di sicurezza se foste possessori di uno smartphone Lumia, vi suggeriamo di passare quanto prima ad uno smartphone dotato di sistema operativo Android oppure ad un iPhone. Sul nostro store ce ne sono per tutti i gusti e budget e potrete inoltre scegliere di assicurarlo contro danni accidentali e furto per dormire sonni tranquilli.

Fonte | Fonte