Galaxy S10: dettagli su RAM, fotocamere e storage interno

Nel corso delle ultime ore Galaxy S10 è stato nuovamente vittima privilegiata di indiscrezioni sempre più precise e puntuali. In fondo al lancio dei terminali mancano poco più di cinque settimane e possiamo definire ormai fisiologica la fuga di informazioni da qui al lancio.

RAM LPDDR5

Galaxy S10

Samsung aveva ufficializzato la nuova generazione di chip RAM LPDD5 a luglio del 2018 svelando che questi chip sarebbero stati integrati negli smartphone del futuro. Sembra che parte della gamma di Galaxy S10 possa essere la prima a beneficiare di questi nuovi chip.

Le nuove memorie RAM LPDDR5 offrirebbero performance una volta e mezzo superiori rispetto alla precedente generazione LPDDR4X permettendo uno scambio dati in memoria pari a 51.2GB al secondo.

Un simile salto in avanti sarebbe particolarmente notabile durante azioni veloci quali il passaggio da un’app a un’altra, l’apertura di app non in memoria e ancora durante i task più estremi quali l’editing video 4K ed in generale nella gestione per riproduzione o modifica di file di grandi dimensioni.

Una RAM di questa tipologia, inoltre, renderebbe ancora più veloci le computazioni necessarie al funzionamento dell’intelligenza artificiale: immaginiamo ad esempio una migliore capacità nel riconoscere differenti scene durante l’utilizzo della fotocamera ed applicare in maniera più puntuale e calibrata i parametri volti ad ottenere uno scatto sempre perfetto.

Nei chip LPDDR5, per finire, grande importanza ha anche la sigla LP (Low Power – basso consumo): sulla carta, infatti, questi chip andranno a migliorare la durata della batteria considerando che sono stati sviluppati per ridurre il voltaggio richiesto quando si occupano di gestire pochi dati; oltre a ciò un nuova modalità di sonno profondo del chip, permette di ridurre di un ulteriore 30% il consumo quando lo smartphone è in standby.

Non è ancora chiaro se questa tipologia di RAM vedrà la luce solo sul modello 5G di Galaxy S10 oppure se Samsung sceglierà di estenderne l’utilizzo anche su Galaxy S10 e Galaxy S10 Plus; ciò che appare certo è che data la tipologia di chip e il costo di produzione appare improbabile che questo possa essere adoperato anche sull’economico Galaxy S10 E.

Fotocamere

Galaxy S10

Tutti i modelli di Galaxy S10 saranno dotati di una fotocamera principale posteriore da 12MP con apertura variabile rivista rispetto a quella già vista su Galaxy S9. La fotocamera in questione supporterà autofocus e stabilizzazione ottica dell’immagine andando a migliorare la qualità dei video 4K. La fotocamera principale dovrebbe inoltre supportare la modalità Super Slow-mo, la funzionalità Bright Night, e quella Stage Lighting che si scontrerà con la modalità ritratto offerta, tra gli altri, da Apple.

Il sensore principale verrà affiancato da un secondario da 16MP grandangolare che permetterà di ottenere scatti mozzafiato di porzioni più grandi di scena. Purtroppo sembra che questo sensore non verrà dotato né di autofocus, né tantomeno di stabilizzatore ottico d’immagine.

Il terzo sensore, invece, sembra sarà un’esclusiva di Galaxy S10 Plus ed offrire una lente da 13MP con zoom ottico stabilizzato otticamente e con autofocus.

Configurazioni

Galaxy S10

Dopo mesi di speculazioni sembra sia giunto il momento di conoscere in maniera definitiva anche le configurazioni e le varianti scelte da Samsung per l’intera gamma di Galaxy S10.

Il modello entry level Galaxy S10 E sarà probabilmente disponibile in un’unica variante da 128GB di memoria interna e 4GB di RAM (che sarà comunque appetibile rispetto al Galaxy S9 considerando che quest’ultimo era distribuito in una singola variante da 64GB).

Se il Galaxy S10 E sembrerebbe nella gamma parallelo al Galaxy S9, Samsung ha fatto un passo in avanti con Galaxy S10 avvicinandolo molto di più al modello Plus dello scorso anno: sarà dotato di 6GB di RAM e distribuito in varianti da 128 e 256GB di memoria interna.

Entrambe le varianti con 6GB di RAM sembrerebbero essere confermate anche per S10 Plus con l’aggiunta di una terza variante a competere con il Galaxy Note 9 dotata di 8GB di RAM e 512GB di memoria interna.

Accanto a tutti questi modelli, potrebbe essere presentato sul palco di San Francisco per alcuni mercati anche la variante con modem 5G. Seppur in merito a quest’ultimo modello le voci sono davvero poche – sintomo forse di una disponibilità non immediata come per gli altri tre – dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe che la variante base sarà dotata di 8GB di RAM con 256GB di memoria interna, una seconda variante verrà distribuita sempre con 8GB di RAM ma 512GB di storage interno e per finire una terza variante verrà dotata di 12GB di RAM e 1TB di memoria interna.

Sembra che Samsung abbia davvero messo tanta carne al fuoco per questa gamma: non vediamo l’ora di scoprirla!

Fonte|Fonte|Fonte